Garten in Torino

Garden in progress

Foto: Paola Monasterolo
Foto: Paola Monasterolo

UN INTERVENTO DI TRASFORMAZIONE FISICA DI UNO SPAZIO PUBBLICO SVILUPPATO A PARTIRE DA UN ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA SOGGETTO PUBBLICO E SOGGETTO PRIVATO.

Il progetto. “Garden in progress” è una esperienza “rara” di trasformazione dello spazio pubblico urbano (nello specifico dello spazio esterno della Casa nel Parco) promosso dalla Fondazione della Comunità Mirafiori Onlus.
La Casa nel Parco è un luogo di ritrovo e fruizione culturale nel parco Colonnetti lungo via Artom, che attualmente presenta spazi esterni inadeguati all’accoglienza del pubblico, dal punto di vista della fruizione e della gradevolezza, e che sono stati oggetto di atti vandalici e usi impropri. Una serie di problematiche impedivano un agevole uso della struttura: difficoltà di accesso, mancanza di aree di sosta e ricreative, la presenza di sovradimensionati volumi di terra a nascondere l’edificio.

Il carattere innovativo del lavoro risiede nella sperimentazione di un modello di costruzione collettivo, che si discosta da modalità di intervento sullo spazio pubblico più consolidate.Da questo punto di vista le aiuole, i percorsi e le specie vegetali che saranno il portato materiale sono solo uno dei risultati di questo processo. Questa premessa costituisce la ragione principale che ha consentito alla Fondazione di innescare un processo che reputiamo possieda un grande valore.
Intorno al progetto si sono riusciti a far interagire la scala micro-locale con visioni e intuizioni di professionisti di esperienza europea:
i paesaggisti berlinesi atelier le balto.
Il progetto nel suo realizzarsi sviluppa il tema della cura degli spazi pubblici da parte dei cittadini, una tematica più ampia della puntuale costruzione di un giardino (…)

Responsabili del progetto: Isabella Devecchi, Silvia Cordero

Ideatore e curatore del progetto: Stefano Olivari

Progettisti: Santiago Gomes, Sandra Giannini

Responsabile della sicurezza: Paolo Maccario

Grafica e comunicazione: Paola Monasterolo

Paesaggisti: atelier le balto, Stefano Olivari

Mehr unter: gardeninprogress

 

Schreibe einen Kommentar

Deine E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind mit * markiert.